Dove posizionare rilevatore monossido di carbonio

Il rilevatore di monossido di carbonio è un dispositivo di vitale importanza se si possiede una stufa a gas o a legna: in caso di dispersioni di monossido di carbonio, può infatti salvare la vita.

Ogni qual volta viene bruciato qualcosa (carbone, legna, gas, gasolio o benzina), si produce monossido di carbonio. Negli ambienti aperti, il monossido di carbonio è in grado di disperdersi, mentre negli ambienti chiusi, in casa, in garage o in camper, la presenza di alte concentrazioni di questo gas porta ad intossicazioni anche letali.

In casa gli impianti di riscaldamento producono monossido di carbonio: stufe a legna, camini, caldaie a gas, scaldabagno, canne fumarie, canali di fumo e impianti di riscaldamento difettosiÈ quindi molto importante effettuare la regolare ed adeguata manutenzione di questi sistemi.

Non fate affidamento sui vostri sensi: il monossido di carbonio è un gas praticamente impossibile da individuare perché è inodore ed incolore, e rendersi conto di un’eventuale fuoriuscita è veramente difficile. Talvolta anche interpretare i primi sintomi dell’intossicazione (se si ha il tempo di farlo) è complicato perché somigliano a sintomi influenzali.

Teniamo presente che il monossido di carbonio (CO), ha il terribile appellativo di assassino invisibile, proprio perché agisce in modo subdolo, non avvisando nemmeno con alcuna irritazione. Pertanto, è praticamente impossibile percepirne la presenza in maniera immediata senza strumenti appositi. I dati di casi di morte per avvelenamento da monossido di carbonio sono allarmanti, eppure con l’installazione del rilevatore si tratta di un rischio che può essere facilmente scongiurato.

Il rilevatore di monossido di carbonio è un vero e proprio salvavita capace di rilevare la presenza di monossido di carbonio e di avvisare se e quando raggiunge eccessivi livelli, superando la soglia limite.

Per evitare i rischi del monossido di carbonio è bene quindi installare un rilevatore e anche rimuovere le apparecchiature non a norma.

È buona norma tenere un comportamento responsabile impiegando gli apparecchi a combustione nel modo corretto e occorre fare una manutenzione annuale al fine di garantirne la massima affidabilità. La sicurezza si basa infatti sulla piena funzionalità delle apparecchiature e dei dispositivi, su una corretta installazione e su una adeguata disposizione.

Nella scelta del rilevatore di monossido ci sono dei fattori da considerare e da valutare: il dispositivo deve infatti presentare caratteristiche ben precise come affidabilità, precisione, doppio sistema di avviso (acustico e luminoso), sicurezza, possibilità di essere comandato da remoto e deve anche essere installato e posizionato in modo corretto.

Il suo posizionamento è infatti un punto di fondamentale importanza affinché il dispositivo funzioni correttamente e renda il massimo dell’efficacia.

Dove installare il rilevatore di monossido di carbonio

La diffusione del monossido di carbonio nell’aria è relativamente uniforme, per questo una sorgente di monossido è in grado di distribuire il gas in modo uniforme per la stanza e per l’intera casa. Nel momento in cui si installa un rilevatore di monossido di carbonio, si deve optare per un punto della casa dove il dispositivo resterà pulito, lontano da bambini e animali domestici.

Stanza dove va collocato il rilevatore di monossido di carbonio

Il rilevatore di monossido di carbonio va installato nel locale da presidiare vicino agli impianti di riscaldamento, ossia agli eventuali punti di emissione di monossido, quindi vicino a stufe, caldaie, camini e scaldabagno.

Per garantire la sicurezza del luogo in cui dormiamo e per essere in grado di sentire l’allarme in caso di attivazione la soluzione ottimale sarebbe installare un rilevatore in prossimità di ogni stanza da letto.

Se l’abitazione è integrata con un garage o una cantina o una taverna, è opportuno posizionare un rilevatore anche all’entrata di questi ambienti.

Posizione dove va collocato il rilevatore di monossido di carbonio

Il dispositivo va posizionato a circa 20 cm dal soffitto (questo perché il monossido di carbonio è più leggero dell’aria e tende a salire), ad una distanza massima di due metri dalla possibile fonte di inquinamento e non esposto a correnti d’aria che potrebbero falsare il rilevamento.

Dove NON va collocato il rilevatore di monossido di carbonio

È importante non posizionare i rilevatori di CO vicino a porte o finestre, per evitare che le correnti d’aria alterino la percezione di questi dispositivi, ritardando l’allarme.

Si deve inoltre mantenere libero il raggio di azione del rilevatore, non coprendo il dispositivo con tende, quadri, mensole o altri elementi dell’arredamento.

Consigli generali per installazione rilevatore di monossido di carbonio

Occorre in primis leggere con attenzione le specifiche tecniche e la documentazione allegata all’apparecchio.

Nei rilevatori è presente una luce a led che segnala il corretto funzionamento dell’apparecchio: verificate attentamente che la luce segnali che tutto sta funzionando correttamente.

È sempre opportuno eseguire la manutenzione regolare e controllare periodicamente il rilevatore e sostituire le batterie almeno due volte all’anno. Una buona abitudine che scongiura il rischio di dimenticanze è quella di cambiare le pile quando si passa dall’ora legale all’ora solare e viceversa.

Dopo ogni sostituzione delle batterie si deve controllare che l’installazione sia avvenuta correttamente e quindi si deve procedere con il test.

I rilevatori hanno generalmente una vita di servizio di dieci anni (alcuni più breve, quindi anche in questo caso vale ciò che è indicato nella scheda che accompagna il dispositivo). Vanno quindi sostituiti tutti i rilevatori che hanno raggiunto i 10 anni di attività e anche i rilevatori dei quali non si conosce l’età.

Se i rilevatori sono collegati all’impianto elettrico, è opportuno rivolgersi ad un elettricista qualificato per la loro installazione.

È importante effettuare una pulizia regolare del dispositivo, così da evitare l’accumularsi di polvere. Si può anche impiegare un’aspirapolvere per aspirare sporcizia e polvere.

Le performance del dispositivo potrebbero esser influenzate anche un ambiente troppo umido.

L’installazione di rilevatori di monossido di carbonio, se posizionati in modo corretto, limita al massimo i rischi causati da una fuoriuscita di questo subdolo gas, ma ciò non toglie che occorre mantenere sempre alto il livello di guardia, effettuando tutti i controlli di legge necessari per mantenere gli impianti di riscaldamento in perfetta efficienza. Buon senso e rispetto dei regolamenti sono gli ingredienti principali per tutelare la nostra incolumità.

Lascia un commento